Oliingold--3.jpeg

Wie alles begann...

Antonio Stuto- cucina volante

Arrivai definitivamente a Soletta nell’estate del 1980 come insegnante d’italiano e già nel 1983 insieme ad altri 8 giovani italiani aprimmo al kreuzplatz di Derendingen una piccola trattoria che in breve tempo divenne un centro di pellegrinaggio per palati fini e vogliosi assaggiatori di autentici gusti di pietanze italiane.

Nel 1987 insieme a Gianni e Totò, sempre a Derendingen,aprimmo il ristorante “Rosengarten” dove si continuarono  a divulgare i gusti semplici che i nostri nonni e bisnonni ci avevano insegnato. Due anni più tardi il “Rosengarten” divenne centro di accoglienza per i rifugiati politici dei Balcani e fu allora che decisi di cominciare a fare catering che naturalmente permise di divulgare molto più velocemente il culto della buona e semplice cucina italiana.

Pomodori secchi, melanzane, peperoni sott’aceto e cuori di carciofo sott’olio venivano preparati direttamente a Mineo in Sicilia dalla mia parentela e da me importati in Svizzera.

Durante una vacanza al mare in Sicilia insieme alla famiglia Kuenz ci venne l’idea di allargare la presenza delle olive da tavola sul mercato di Solothurn e così il primo Maggio del 1993, un sabato che pioveva a cielo aperto, insieme a Doris Kuenz e più tardi Sebastiano Pappalardo, aprimmo la nostra bancarella con un vasto assortimento di olive e antipasti e da allora ogni sabato, ininterrottamente, la nostra presenza al mercato di Solothurn è garantita.

Molti dei nostri prodotti sono rimasti gli stessi, molti sono stati sostituiti e molti ancora adeguati ai gusti di oggi ma la materia prima è sempre la stessa e le spezie sono sempre quelle che crescono nei luoghi impervi delle “coste Menenine”.

Oggi mi affianca la moglie Andrea, i figli Siria e Noà, il cugino Giovanni e diverse venditrici.

Soletta, aprile 2020 Antonio Stuto